Bici ammassate e abbandonate ovunque: il bike sharing in Cina è un fallimento totale

La tecnologia è arrivata troppo in fretta e ha preso alla sprovvista le amministrazioni pubbliche. In poco tempo sono arrivati milioni di biciclette ma nessuna organizzazione

Biciclette usa e getta. In Cina il bike sharing è arrivato solo da un anno ma ha già fatto in tempo a spopolare. Anche troppo: le amministrazioni, prese alla sprovvista, sono state travolte da milioni e milioni di biciclette da condividere.

Dove sistemarle? Come riorganizzarle? Dove andare a pescarle? Non lo sapevano, non ci avevano pensato. In poco tempo è stato il caos: gli utenti cinesi hanno cominciato a parcheggiarle e abbandonarle ovunque, creando vere e proprie montagne di biciclette.

Come queste:


Altre immagini si trovano, per chi fosse interessato, in questo interessante articolo dell’Atlantic.

Nel frattempo le aziende che si sono occupate del business sono crollate, lasciando migliaia di bici a prendere la polvere. Sono cose che succedono, almeno quando si sceglie di introdurre prima la tecnologia e poi di occuparsi di regolamenti e gestione.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta