Anche i cani mentono: lo dimostra uno studio scientifico

Gli animali sanno ingannare e distorcere la verità per ottenere ciò che vogliono (nel loro caso del cibo) proprio come gli esseri umani. A dimostrazione che non siamo poi così diversi

Secondo Umberto Eco la semiotica consisteva, in modo un po’ sbrigativo, nell’arte, tutta umana, di “saper mentire”. Il problema è che non è poi così “tutta umana”, visto che, come sanno tutti i padroni di cani e di gatti, anche gli animali sanno mentire.

Adesso anche uno studio proveniente dalla Svizzera (e non – incredibile – da Usa, Canada o Gran Bretagna) lo conferma: i cani, soprattutto, sono molto abili nell’ingannare gli esseri umani e portarli a fare quello che vogliono (cioè dargli un po’ più cibo da mangiare, nella maggior parte dei casi).

Gli studiosi lo hanno capito attraverso un esperimento il cui significato non appare di immediata comprensione. Hanno allenato 27 cani di età diverse per insegnare loro a distinguere tra una donna “cooperativa”, cioè abbastanza malleabile (= che dà loro da mangiare quando vogliono) e una donna “competitiva”, che invece è più difficile da convincere.

Una volta imparata la differenza (chissà come), veniva chiesto ai cani di guidare le due persone verso tre scatole: in una c’è una salsiccia, in una un biscotto e la terza era vuota. Ai cani veniva chiesto: “fammi vedere il cibo”. E loro obbedivano. Solo – e qui è il bello – sceglievano loro quale cibo mostrare loro.

A quella considerata “cooperativa” mostravano, senza il minimo dubbio, il contenuto della prima scatola, cioè la salsiccia. Sapevano che avrebbe acconsentito a prenderlo e donarlo a loro. A quella “competitiva”, invece, che prendeva il contenuto delle scatole per sé, veniva fatto vedere o il biscotto o, in misura anche maggiore, quella vuota.

Cosa c’entra con la facoltà di mentire? C’entra. I cani sapevano che rivelando alla donna “competitiva” dove fosse “il cibo”, cioè la salsiccia, lo avrebbero perso. Per evitare il problema, sceglievano, di conseguenza e senza alcuno scrupolo morale, di mentire e ingannarla.

Morale: non ci si può più fidare nemmeno dei cani. A meno che non li si tratti come vogliono loro.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta