Cammini e guardi il telefono? In Corea ti bloccano l’accesso alla rete

Misure pesanti contro abitudini pericolose. Sono gli “smombie” e provocano incidenti: il governo ha deciso di intervenire per fermarli (alla lettera)

Gli “smombie” – parola inglese ma inventata dai tedeschi per indicare gli “zombie dello smartphone” – sono un problema. Camminano senza guardare, urtano le altre persone, provocano piccoli e grandi incidenti. Adesso, numeri alla mano, lo riconosce anche il governo della Corea del Sud. Negli ultimi cinque anni il numero di incidenti nel traffico legato all’uso – anzi, all’abuso – di smartphone è raddoppiato. Che fare?

La soluzione è una misura draconiana: una app che blocca gli smartphone non appena sente che l’utente si muove tenendolo acceso per più di cinque passi. Severo, ma anche giusto.

In particolare, spiegano su Yonhap, la commissione per le Comunicazioni intende rivolgere il provvedimento soprattutto agli adolescenti: il 40% dei casi registrati di incidenti provocati da chi cammina distratto dal telefono riguarda ragazzi sotto i 20 anni. E, guarda caso, avvengono nella fascia oraria 15-17, cioè quella in cui i giovani, usciti da scuola, tornano a casa. Sembra crudeltà, è solo un modo di proteggerli.

In ogni caso il governo sudcoreano ha già fatto sapere che questa misura, nella speranza che riduca gli incidenti tra i giovani, verrà applicata presto anche agli adulti. Quelli che, data l’età, dovrebbero essere più maturi. Dovrebbero.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta