Il cibo del futuro sarà un’alga: viene coltivata in Giappone e raccolta con un aspirapolvere

Secondo gli scienziati sarebbe perfetta per rafforzare le difese immunitarie. Il problema è che, vivendo sott’acqua, risente della crescita dell’inquinamento nei mari

Visto che per ovvie ragioni geografiche non può essere la dieta mediterranea, il segreto per la longevità dei giapponesi va cercato altrove. Forse, dicono alcuni, in una tipica alga dei mari di Okinawa: il mozuku.

Ha due particolarità che lo rendono interessante: è ottima per migliorare il sistema immunitario, prima di tutto. E poi viene raccolta con un procedimento molto particolare: viene aspirata.

Come si scrive qui, le “fattorie” mozuku consistono in pezzi di terreno marino che si trovano sotto la superificie del mare. I coltivatori ancorano alcune reti, che funzionano da sostegno alle alghe, e poi passano, al momento del raccolto, con il loro bizzarro aspirapolvere.

Ma come tutte le cose buone al mondo, anche l’alga marina rischia di subire i danni dell’inquinamento dei mari. E sono tanti i coltivatori che, da tempo, chiedono maggiori protezioni per la sua sopravvivenza.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta