Non trovate casa? Fate come Marcio Matolias, che vive in un castello di sabbia

Una scelta controcorrente e bizzarra. Ma lui è contento: non paga né tasse né affitto. L’unico problema sono i temporali

La creatività nasce dalla necessità. Lo dimostra Marcio Mizael Matolias, abitante di Rio de Janeiro, che nelle spese per la casa ha scelto di andare al risparmio estremo e si è alloggiato in un castello di sabbia.

“Sono cresciuto nella baia di Guanabara, ho sempre vissuto sulla spiaggia”, spiega a The Mirror, che come tanti è andato nel suo castello a intervistarlo. “La gente paga affitti mostruosi per vivere di fronte al mare. Io invece non ho conti da pagare e me la cavo alla grande”. Almeno finché non piove.

La soluzione, che purtroppo non è esportabile in altre zone, funziona da almeno 22 anni. Marcio è una star della spiaggia ed è considerato il re del suo castello. Del resto la sua scelta, all’apparenza assurda, ha anche un senso, se si vuole, “politico”. Il Brasile è da anni teatro di una guerra di classe tra ricchissimi e ultrapoveri, in cui questi ultimi vengono sfollati dalle loro case dai tetti in lamiera delle favelas per fare spazio ai resort di lusso.

Marcio questo problema non ce l’ha: quando gli crolla una casa, ne costruisce in poco tempo un’altra, senza pagare una tassa né chiedere un permesso.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta