Philip Roth: le opere dello scrittore che divenne famoso per il Nobel mancato

Può sembrare una contraddizione, ma non ricevere il Nobel ha reso lo scrittore noto anche al (vasto) pubblico di non-appassionati di romanzieri ebrei in lingua inglese

Bene o male lo conoscevano tutti. Bene: chi ha letto tutti o quasi tutti i suoi libri, si è appassionato al suo stile di scrittura, le sue storie, i temi (quasi sempre gli stessi: ebrei della East Coast, masturbazione e problemi sessuali). Male: chi ne ha letti pochi, pochissimi, o nessuno, ma si è appassionato comunque al fatto che l’autore americano, nonostante i vari capolavori, non abbia mai vinto il Nobel (“uno scandalo”, avrà detto, senza saperne granché).

Il motivo è che Philip Roth, nonostante abbia concesso poche interviste e abbia cercato di vivere una vita riservata e lontana dai riflettori (ma non lontanissima), è riuscito lo stesso a diventare un personaggio. Se non mediatico, almeno pubblico. Il suo nome ha superato i confini dei circoli ristretti dei lettori, newyorchesi prima e internazionali poi, per riversarsi in tutto il mondo. Insomma, se tante persone conoscono uno scrittore vero vuol dire, di solito, una cosa: che è molto bravo.

Questo non esonera nessuno, però, dal leggere le sue opere. Il problema è che Philip Roth nella sua lunga carriera ha scritto molto, ma questa utile infografica realizzata da Stampaprint può funzionare come guida iniziale alle sue opere. Buona lettura:

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta