C’è un motivo per cui fare spinning fa malissimo

Il nuovo esercizio, ormai di moda in tutte le palestre occidentali, avrebbe molti vantaggi: tonifica i muscoli, allena le gambe, aiuta a sfogarsi. Ma c'è un problema piuttosto grave

Tutti dicono che fa bene, che allena e che costituisce un valido sostituto della bicicletta, soprattutto nei mesi invernali. Lo spinning è diventato di moda: in tutte le palestre fioriscono corsi e sono tanti, maschi e femmine, quelli che li frequentano. Si ritrovano a spingere i pedali di cyclette a ritmi forsennati, spesso basandosi su canzoni lanciate ad altissimo volume per motivare i partecipanti.

Ecco: non va bene. Come ha scoperto Vox, fare spinning farà bene alla salute del corpo in generale, ma distrugge i timpani. Non sono pochi i casi di perdita e/o danneggiamento dell’udito riscontrati in chi frequenta la palestra e soprattutto in chi ci lavora. Come è evidente, è colpa della musica a tutto volume.

Secondo le ricerche di Vox l’eccesso sarebbe di 100 decibel, considerato pericoloso da tutti gli esperti, soprattutto se l’esposizione dura più di 15 minuti. E una sessione di spinning è spesso lunga anche il doppio. Insomma, un vero disastro.

Del resto basterebbe mettere musica a livelli più bassi. Oppure, armarsi di coraggio e di una bicicletta vera e affrontare il mondo fuori. È più sano e, senza dubbio, più piacevole.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta