La magra consolazione: non siamo al Mondiale, ma ci sono molti giocatori del nostro campionato

L’esclusione dell'Italia dalla manifestazione è una ferita che non si rimarginerà con facilità. Ma molti giocatori che i tifosi conoscono bene giocheranno per le loro Nazionali. Chi li tifa qui, può tifarli anche in Russia (volendo)

Va bene, l’Italia non c’è. È passato quasi un anno e, tutto sommato, ce ne siamo fatti una ragione. Almeno non ci toccherà di venire eliminati da Francia o Germania, cosa che inasprirebbe ancora di più le recenti tensioni politiche internazionali.

Per chi però rimane inconsolabile, resta un minimo di orgoglio da andare a ripescare: la maggioranza dei calciatori coinvolti nel mondiale proviene da Milan, Inter e Juventus (poi certo, anche Bayern Monaco, Real Madrid e Barcellona).

Lo dimostra questa bella mappa che elenca, giocatore per giocatore, tutti i club coinvolti nel Mondiale. Oltre a dimostrare che la maggioranza proviene (ma chi si stupirebbe?) dai sei club più importanti del mondo, si nota anche che a farla da padrona è l’Europa, con il Brasile molto indietro e una buona rappresentanza della fascia est dell’Africa.

Li chiamano Mondiali, ma di fatto sono Europei allargati alle ex-colonie.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta