Sei bloccato su un progetto creativo? Sfida (e capovolgi) le regole. Così ripartirai

Per farsi venire idee innovative che scardinano il senso comune spesso occorre mettere in discussione le convenzioni comunemente accettate. Per farlo può essere utile applicare la tecnica Scamper, una inventata nel lontano 1953

Esistono le regole, giuridiche, economiche e sociali, che sono preziose: evitano effetti dannosi, assicurano l’ordine e l’equità, consentono una convivenza civile. Ci sono, poi, alcune abitudini e alcuni atteggiamenti nelle nostre aziende, che si sono “calcificati” nel tempo; possiamo chiamarli “assiomi”, “miti”, “vecchie regole”, “vacche sacre”, il concetto, comunque, è chiaro: sono punti di vista consolidati e, ormai, superati.

Se impariamo a “infrangere”, o a superare, queste regole, si apre un universo di opportunità creative…

Le regole sono un ottimo modo per farsi venire delle idee

Le regole sono un ottimo modo per farsi venire delle idee” – afferma lo scrittore Jack Foster – “Tutto quello che dovete fare è infrangerle”.

Per generare idee innovative e “scardinanti” è necessario, come suggerisce Michael Michalko, sfidare (e capovolgere) alcune convenzioni.

Ecco come potresti procedere:

1. Definisci l’ambito (prodotto, servizio, ecc.) che desideri innovare

2. Fai un elenco di tutti gli “assunti” (presupposti) collegati al tuo prodotto/servizio

3. Mettili in discussione scrivendo, per ognuno, l’opposto

4. Annota i punti di vista emersi, evidenziando quelli che potrebbero rivelarsi utili

5. Domandati come realizzare qualche “ipotesi-rovesciata”

Vediamo un esempio: “Nei ristoranti si paga per mangiare” è una convenzione accettata, e rispettata, da tutti. E se, invece, il cibo fosse gratuito e si pagasse il tempo che si trascorre nel ristorante? Questa “ipotesi rovesciata” ha portato, dopo alcuni aggiustamenti, a dare vita agli Anticaffè. Sono dei locali in cui le bevande, la frutta, gli snack e il wi-fi sono gratuiti e le persone pagano, in base a diverse tariffe, il tempo che trascorrono nel locale.

Continua a leggere su Centodieci

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta