Le emoji della formica sono accurate? Ve lo rivela un entomologo

Bene, anzi benissimo la Apple, male anzi malissimo quella di Twitter. Le altre se la cavano, alcune meglio (Facebook) altre peggio (Samsung)

Esiste un’arte anche nelle emoji. Bisogna rendere l’idea del soggetto in questione (in questo caso una formica), rispettarne le forme, darne una visione simpatica e/o dolce. In più deve risultare caratteristica, cioè semplice da memorizzare e coerente con lo stile generale dell’azienda per cui viene fatta. Una emoji della Apple, per capirsi, dovrà sembrare diversa da una di Android. Non è semplice.

Proprio per questo la critica di un entomologo all’emoji della formica centra il punto. Quella della Apple, “realistica e piena di espressione”, va benissimo (e viene votata 11/10, più del massimo), mentre quella della Microsoft, “con una faccia da pagliaccio appuntita” e una “forma floscia” è la tra le più deludenti (e si becca 3/10, ma c’è chi fa peggio). Il suo giudizio, accurato dal punto di vista scientifico, si concentra sulla precisione dei dettagli (ad esempio: perché la Samsung la fa “con due toraci”? ) e sulla resa generale. Il suo giudizio è in equilibrio tra tutti i criteri, ma fa capire che non tutte le formiche sono uguali. E che nemmeno tutte le emoji valgono allo stesso modo.




Qui ci sono tutte le altre emoji di formiche, commentate e giudicate.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta