L’uomo che dice di venire dal futuro colpisce ancora: stavolta ha un video di Las Vegas nel 2130

Si chiama Noah e già da qualche mese è diventato famoso per le sue stravaganti affermazioni. In questa nuova serie di "rivelazioni" avrebbe anche un testimonianza video, che però mostra tutti i limiti della bufala

Vi ricordate di Noah, il sedicente viaggiatore nel tempo americano che sostiene di venire dal futuro? Aveva ricevuto una certa notorietà per aver superato il test della macchina della verità mentre rispondeva a domande sui suoi giri per il tempo e lo spazio. Adesso, visto che nessuno ha creduto a una sola parola di quello che diceva (chissà perché) ha deciso di esprimersi attraverso le immagini. E ha mostrato un video di Las Vegas nel 2120.

Il ragazzo, come spiega proprio lui in un video su Youtube, è appena tornato da una “missione fallita”, in cui si è fermato nel 2060 e nel 2120. E in questa seconda occasione ha effettuato le sue riprese, fatte apposta per convincere noi scettici del 2018. E le mostra:

“Vedete quelle nuvole rosse? Sono il riscaldamento globale. Nel futuro avrà un impatto incredibile, lo si vedrà ovunque. Mi ricordo che faceva molto caldo, ma nel futuro staranno già risolvendo il problema”.

Alcuni utenti si sono perfino presi la briga di analizzare il video, mettendo in mostra delle chiare contraddizioni. Miscredenti. Trovano assurdo che un uomo del futuro faccia dei video con degli iPhone di oggi (“Pensavo che nel 2030 la tecnologia fosse migliorata un po’ rispetto a oggi”). Altri fanno notare che il video altro non è che una simulazione in CGI, fatta anche piuttosto male.

Alla fine l’interrogativo rimane sempre lo stesso: perché questo Noah continua a sostenere di venire dal futuro? Per ottenere pubblicità, forse (ma sarebbe un sistema demenziale). O, chissà, magari è tutta una trovata per sensibilizzare le persone sui rischi del cambiamento climatico. Se cominciassimo oggi a preoccuparcene gli uomini del futuro (quelli veri) ce ne sarebbero grati.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta