Gli scontrini? Sono una ricchezza, con Tickete

La startup italiana estrae dai dati contenuti negli scontrini informazioni sul comportamento delle persone e li traduce in una miniera di informazioni per brand e aziende. L'obiettivo? Anticipare i trend del mercato, anzi che subirli

Tickete si colloca nel mercato dei Big Data: raccolgono dagli scontrini fiscali dati sul comportamento delle persone e li traducono in preziose informazioni per brand e aziende che vogliono comprendere le abitudini dei loro clienti.
Gli scontrini vengono fotografati e inviati volontariamente dai consumatori, che sono incentivati attraverso delle promozioni. I dati vengono quindi riconosciuti da una tecnologia proprietaria VTR (Virtual Text Recognition).
Oggi Tickete guadagna creando delle campagne di marketing e promozione digitale per le aziende, stanno raccogliendo capitali su CrowdFundMe per creare la piattaforma con la quale potranno vendere i dati sul consumo molto più fruibili e quindi venderli in logica SaaS.

Hanno risposto alle domande degli utenti Luca Gisi, CEO; Andrea Giglio, CTO; Giuseppe Lorizzo, CFO.

D: Ciao! In che fase è la vostra startup? State già generando ricavi?

R: Siamo già operativi sul mercato con la nostra soluzione, adottata da alcuni player come Penny Market e DoveConviene, oltre ad avere varie trattative avviate con altri brand. Per darvi un dato, ad esempio Penny Market da un pilota inferiore ai 10.000€ svolto l’anno scorso quest’anno ci ha quintuplicato la commessa e affidato alla tecnologia Tickete la raccolta e l’engagement sui loro clienti per tutto il 2018 con possibilità di rinnovo per il 2019.

D: Come funziona in concreto Tickete per le aziende?

R: Tickete mette a disposizione la parte di estrazione dei dati dello scontrino a favore delle aziende con la sua tecnologia, VTR (Virtual Text Recognition) con una precisione del 93%.
Lo scontrino diventa quindi sia un modo per tracciare le promozioni e gli acquisti offline, sia una miniera di informazioni per i brand che vogliono scoprire il perché, il dove, il cosa e il quanto acquistano i loro consumatori. Nel caso di Penny Market, viene applicato alla parte di concorsi a premi per generare sell out e fare data enrichment.

D: Ma come acquisite gli scontrini?

R: Molto semplicemente l’utente invia lo scontrino attraverso canali digitali come ad esempio app mobile, sito web e messenger chatbot che vengono processati e letti dalla nostra tecnologia che li trasforma in dati. Quindi l’utente viene reso protagonista in maniera proattiva e divertente del processo di inserimento dati in cambio della possibile vincita di un premio.
Se volete testare una demo del meccanismo potete farlo tramite Facebook Messenger col nostro demo-bot Wolli.

D: Quali informazioni riuscite ad ottenere? Quali sono quelle per cui le aziende sono più interessate al vostro servizio?

R: Lo scontrino viene letto fondamentalmente tutto, le informazioni che sono estratte e catalogate variano dai dati dell’insegna, al prezzo, ai prodotti, alla data e ora di inserimento al totale. Condividiamo alcune immagini per rendere più chiaro il meccanismo.

Continua a leggere su CrowdFundMe

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta