Grandi pittori si nasce: guarda i quadri del giovane Picasso

L’artista spagnolo mostrava fin dalla tenera età le sue particolari abilità: a otto anni padroneggiava disegno e colore. A quattordici dipingeva come un maestro. Non stupisce che, con la maturità, sia diventato uno dei più grandi artisti di tutti i tempi

Inutile illudersi: il talento si vede fin dai primi anni di vita. Sperare di fiorire, o di veder fiorire nei propri figli, capacità artistiche miracolose in campi in cui non hanno mai brillato Un esempio per tutti: il pittore spagnolo Pablo Picasso. Anche se i suoi capolavori, come è noto, risalgono all’età matura, la sua abilità nel disegno è evidente fin da quando prende in mano i colori. Per capirsi, all’età di quindici anni, nel 1897, era già in grado di dipingere quadri che alcuni si sognano tutta la vita, come questo:

L’anno precedente, poi, aveva fatto questo:

Sono opere tradizionalissime, nel pieno solco della tradizione, che maneggia con estrema tranquillità. Si pensi che a 11 anni, età in cui la maggior parte dei ragazzini oggi pensa al pallone o alla playstation, aveva già fatto uno studio anatomico impressionante:

Ma la sua vena artistica, il gioco del colore, l’energia creativa e il sovvertimento delle forme erano già emersi anni prima, nei suoi primi esperimenti pittorici. Quando aveva nove anni, per esempio, si era dedicato a un lavoro ispirato alla corrida (sopra, rovesciati, ci sono alcuni modelli di uccelli):

E quando ne aveva otto, affascinato dalle potenzialità del colore, si era espresso così:

Insomma, il giovane Picasso aveva tutte le potenzialità per diventare un grande artista. Di sicuro, come si vede dai dipinti, possedeva la tecnica. Ma questa, come si fa notare qui, può essere insegnata e padroneggiata da (quasi) tutti. In più aveva una capacità di vedere e immaginare superiore alla media. Il suo mondo di artista era forte e poteva essere espresso con maestria. Ecco il talento, che non si può insegnare a nessuno.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta