I profili falsi su Facebook? Non solo russi, ora sbucano anche quelli iraniani

Facebook ha rimosso più di 600 profili e pagine fasulle associate a una campagna di disinformazione proveniente dall'Iran. Poco dopo, Twitter ne ha eliminati altri 284. La novità? Le campagne non operavano solo verso gli Usa

La notizia: Facebook ha rimosso 652 profili e pagine fasulle associate a tentativi russi e iraniani di confondere gli utenti con fake news. Le prime attività legate all’Iran risalirebbero al 2011 ed avrebbero interessato una moltitudine di aree, fra cui Medio Oriente, America Latina, Regno Unito e Stati Uniti. Poco dopo l’annuncio di facebook, Twitter ha rimosso 284 profili associati a loro volta all’Iran.

Ci risiamo! Il mese scorso Facebook ha rimosso 32 account legati a tentativi russi di influenzare l’opinione pubblica in prossimità delle elezioni di metà mandato negli USA. Nonostante gli sforzi continui del social network, riporta Pew, appena il 15 percento dei russi ritiene che il proprio paese possa aver interferito con le elezioni USA del 2016.

Continua a leggere su Technology review

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta