Il riconoscimento facciale? È un pericolo per la democrazia (e per questo va regolato)

Un uso improprio della tecnologia potrebbe portare a un controllo pervasivo da parte dei governi e aggravare la discriminazione sociale. Per questo i democratici richiedono una revisione della tecnologia

ALEX WONG / GETTY IMAGES NORTH AMERICA / AFP

I legislatori negli Stati Uniti hanno chiesto al Government Accountability Office (GAO) di esaminare l’uso fatto della tecnologia per il riconoscimento facciale da parte di società e forze dell’ordine.

Le domande: Un gruppo di democratici della Camera dei Rappresentanti e del Senato ha inviato una lettera al GAO chiedendo di esaminare quali agenzie stiano facendo uso della tecnologia e quali misure di sicurezza siano state predisposte dall’industria. Qualche forma di regolamentazione da parte del governo potrebbe essere imposta successivamente.

Occhi che spiano: Vi è un crescente timore che l’utilizzo sregolato del riconoscimento facciale possa favorire un maggiore controllo governativo e automatizzare la discriminazione. Persino alcune società sembrano preoccupate. Il consigliere generale di Microsoft, Brad Smith ha recentemente parlato della necessità di regolamentare meglio la tecnologia.

Continua a leggere su Technology review

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta