Se volete comprare un pezzo di Luna dovete rivolgervi a quest’uomo

Dannis Hope è il legittimo (?) proprietario del nostro satellite da circa 35 anni. Vende lotti di terreno a prezzi abbordabili. In tanti si sono rivolti a lui per realizzare un piccolo sogno: anche George W. Bush

Da circa 35 anni Dannis Hope vende terre della Luna. Sì, perché in un certo senso la possiede. Nel 1980, quasi per gioco, ne aveva rivendicato i diritti di proprietà e, vedendo che né il governo Usa né l’Onu avevano avuto nulla da obiettare, ha continuato. Ora è convinto di esserne il proprietario, con tutto il diritto di vendere, a prezzi anche piuttosto economici, interi lotti.

“Inviai all’Onu la mia richiesta, con tanto di progetto di suddivisione in lotti e di successiva vendita”. Non gli hanno mai risposto. E se nei trattati tra Paesi si specifica con chiarezza che la Luna non possa appartenere a nessuno Stato, “questo però non vale per gli individui”, sorride Hope.

A quel punto, dopo che per anni non aveva ricevuto risposta, ha deciso di passare al passo successivo: ha registrato la sua proprietà al US Copyright registry office e ha cominciato a vendere lotti. Dennis Hope è, come si scrive qui, il più grande proprietario terriero del mondo. Senza nemmeno possedere un metro di terra terrestre.

Non si può dire che sia esoso, però. Un ettaro costa 50 dollari, una cifra alla portata di tutti i buontemponi che sognano di possedere un pezzo di satellite. Sono in tanti: secondo Hope almeno sei milioni di pesone hanno fatto richiesta di comprare un po’ di Luna, e tra questi ci sarebbero alcune celebrità come Ronald Reagan, George W. Bush e tutto il cast di Star Trek (gli esperti del settore).

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta