In Australia c’è un delfino che addestra gli altri a camminare sulla coda

Un trucco imparato in cattività viene diffuso anche nell’ambiente naturale. Succede ad Adelaide, in Australia: un fenomeno che rivela l’esistenza di una cultura che si tramanda all’interno di una comunità di animali

I delfini imparano tanto e, a quanto si scopre da uno studio portato avanti da ricercatori dell’Università di Exeter, insegnano anche. Billie – questo il nome dell’esemplare in questione – sarebbe, secondo gli studiosi, il capostipite di una tradizione culturale che si è diffusa tra i delfini della zona di Adelaide. Nella fattispecie, la capacità di camminare sulla coda, cioè il tailwalking.

Billie era stato salvato nel 1988 da un incidente vicino al fiume Patawalonga, ad Adelaide, in Australia. Durante il periodo di cura in cattività, fu addestrato e imparò alcuni trucchi particolari, come appunto camminare sulla coda. Poi, una volta guarito, è stato rilasciato in natura.

Anni dopo, avviene l’impensabile. Tra il 2011 e il 2014, sono stati avvistati vari delfini intorno al porto di Adelaide che giocavano al tailwalking. Come era possibile? Secondo il professor Mike Bossley, a capo del team della ricerca, sarebbe tutto da ricondurre a Billie. Una volta tornato insieme ai compagni, avrebbe insegnato loro il nuovo gioco. E, questi a loro volta, lo avrebbero trasmesso agli altri. E così, 30 anni dopo, c’è una comunità di delfini che pratica un trucco imparato da un loro collega negli anni ’80.

Come ha affermato Philippa Brakes, una delle autrici,“la ricerca è importante perché aiuta a capire che anche in specie diverse esistono informazioni che vengono trasmesse a livello sociale”. E questo “potrebbe aiutarci a capire come reagirebbero di fronte a cambiamenti nel loro ambiente”.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta