Negli Usa propagano fake news anche nei canali dedicati al meteo

Ha suscitato scalpore la scenetta dell’inviato di Weather Channel che, di fronte alle telecamere, ha simulato (male) di essere spinto via dal vento , mentre dietro di lui due passanti camminavano in tutta tranquillità

E poi si stupiscono che vince Trump. Nella guerra della credibilità il presidente Usa ha ben poco da difendere, ma anche i media nazionali americani stanno facendo di tutto per perdere ogni posizione. Non è tanto il New York Times che, pubblicando un editoriale anonimo, dice di dare voce a un sedicente collaboratore interno della Casa Bianca, autodefinitosi in prima linea nella “Resistenza a Trump”. Quanto un canale televisivo come Weather Channel, il quale, almeno a giudicare dal fatto che si occupa di previsioni meteorologiche e tempeste, dovrebbe cercare di essere il più obiettivo possibile. Se piove, piove. O no?

No. Come mostra questo video, che ha suscitato ilarità e sconcerto in tutto il mondo, si vede il povero Mike Seidel, veterano della rete, che a Wilmington, in North Carolina, finge di resistere alla furia del vento dell’uragano Florence. Un balletto già in sé buffo, considerando che il vento soffia dalla parte opposta rispetto a quella simulata. Ma che diventa perfino surreale quando, alle sue spalle, appaiono due ragazzi che camminano in tutta tranquillità guardando lo smartphone.

Che dire? C’è chi si indigna, chi ride, chi ricorda che “tutti i giornali sono fake news”, chi posta video di situazioni paragonabili, come questo:

Oppure di altri che, invece, hanno davvero rischiato la salute sul campo:

Infine, la ciliegina sulla torta: cioè la risposta della rete, che è intervenuta con un messaggio a difesa del suo dipendente. Il povero Mike, sottolinea, era “stanco” a causa delle lunghe ore di diretta. E, a differenza dei due passanti alle sue spalle, era “sull’erba”, mentre loro “erano sul cemento”. Ah, ecco.

E poi si stupiscono che la gente voti per Trump.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta