Sacchetto di plastica bio, quanto di costi (e quanto poco resisti)!

A nove mesi dall'obbligo di acquisto dei bioshopper si calcola che la spesa per i consumatori ammonti tra i dodici e i venti euro all'anno, mentre per i produttori l'affare è gigantesco.

Avevano promesso: non sarà una stangata. Aggiungendo, per indorare la pillola, che l’innovazione costa, ed è giusto che a pagare il conto siano anche i consumatori. Ma a distanza di quasi nove mesi dall’entrata in vigore della legge che impone l’acquisto dei bioshopper viene fuori tutta un’altra verità.

Il conto è molto più salato di quanto annunciato, considerando i due estremi della forchetta di previsioni, la più bassa firmata da Gfk Eurisko (circa 12 euro all’anno) e la più alta di Codacons (non meno di 20 euro).

E pagano solo i consumatori, mentre per le aziende, innanzitutto i produttori dei sacchetti e le catene della grande distribuzione, il bioshopper obbligatorio si sta rilevando un gigantesco affare. Con una bella torta da dividere: in Europa circolano ogni anno 100 miliardi di buste per la spesa usa-e-getta, e l’Italia è ai primi posti della classifica per consumo pro-capite.

Continua a leggere su Nonsprecare.it

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta