Sostituire Donald Trump con un pinguino? Sembra strano, ma funziona

La provocazione, lanciata dal comico scozzese Armando Iannucci ha preso piede sul web. E gli americani si stanno rendendo conto che dare spazio e potere agli amici animali non sarebbe nemmeno una cattiva idea

Tra i mille attacchi lanciati contro Trump questo, almeno, è divertente. Nasce da una provocazione dello scrittore e commediografo scozzese Armando Iannucci: “Proviamo a sostituire Donald Trump con un pinguino nelle foto ufficiali: le espressioni di tutti gli altri nell’immagine continueranno a funzionare alla perfezione”. Era una battuta, qualcuno (tanti, in realtà) lo ha preso sul serio, è nata una breve moda: metti un pinguino al posto di Trump.

In effetti funziona: un pinguino è ottimo per l’incontro con il Papa (i colori si sposano benissimo, poi), sta bene nello Studio Ovale, alla grande con i rabbini e i vari capi di Stato del mondo.

Gli avversari di Trump potrebbero concludere, sulla scorta di queste immagini, che Trump è inadatto per il ruolo che occupa quanto lo sarebbe un pinguino. Altri, invece, potrebbero soltanto concludere che i pinguini sono così eleganti e intelligenti che potrebbero benissimo diventare Presidenti degli Stati Uniti, se non fossero discriminati da un sistema che lo consente solo agli esseri umani.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta