La tabella degli insulti personalizzati che Diego Fusaro riserva a ciascuno di noi

È semplice: basta comporla a partire dalle ultime cifre del numero di telefono. Nessuno, del resto, è innocente del reato (o peccato) di mondializzazione, ultraimmigrazionismo o servilismo nei confronti dei poteri finanziari

Nessuno può pensare di sfuggire all’ira di Diego Fusaro. Il filosofo (che può vantare anche un’ospitata tra le pagine de Linkiesta) è uno che non le manda a dire, anche se le dice sempre in modo incomprensibile.

Il suo nemico è il turbo-capitalismo mondialista, nemico dei popoli (europei) e amico della finanza. Una personalità dai contorni non ben definiti, con ramificazioni impensabili e in grado di manipolare persone e intellettuali. La sua propaganda competitivista è pervasiva, stregonesca, diabolica. Si infiltra ovunque: ammalia le menti più ingenue, modella quelle giovani, indebolisce le anziane, piccona quelle refrattarie. Il turbo-capitalismo parla attraverso milioni, anzi miliardi di bocche. Pensa con milioni, anzi miliardi di cervelli (non tutti che funzionano allo stesso modo, chiaro), e agisce con le mani e i piedi di tutti noi.

Insomma, visto che il sistema siamo noi, è giusto che Fusaro ci insulti in tutti i modi possibili. Ad esempio con questa tabella che, permette di comporre per ciascuno l’insulto più appropriato a partire dalle ultime cifre del numero di telefono cellulare – anche quello simbolo della pervasività senza radici né frontiere di un capitale egolalico ed egolatrico.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta