Nuove usanze basche nascono: da quest’anno si lanciano le torte nello spazio

L’esperimento è anche una campagna promozionale di un tipico dolce della zona basca francese: dopo il suo lancio diventerà famosissimo

Quando non si sa come rilanciare un prodotto tipico, lo si manda nello spazio. Idea semplice, pulita e con un ritorno mediatico assicurato. Deve essere proprio questo ciò che hanno pensato all’associazione Eguzkia, cioè quella che si occupa della promozione della Torta Basca, dolce tipico della zona francese dei Paesi baschi: “Portarlo nella stratosfera e farlo conoscere al resto del mondo”.

(Avevano anche pensato a una pecora latxa, tipica della zona, ma la proposta è stata scartata subito)

L’idea della torta, invece è stata più facile da concepire, anche se si è rivelata più complicata nella fase di progettazione concreta. Ma per fortuna sono venuti in soccorso degli organizzatori gli scienziati della École supérieure des technologie industrielles avancées (Estia) di Bidart, che hanno progettato una capsula apposita, su cui hanno lavorato in gran segreto da tutto luglio: un pallone gonfiato con elio con attaccato un paracadute e, in fondo, la scatola che porterà la torta basca.

L’esperimento cadrà il 24 ottobre, quando la navicella verrà lanciata dal centro commerciale di Anglet. Salirà per due ore, poi un’ora di spazio e dopodiché, comincerà la discesa. “Non sappiamo dove cadrà. Speriamo che i nostri vicini delle Landes (regione della Francia vicina) non si spaventino: non è attacco”.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta