Sei prigioniero della noia? Ecco il database di aeroplanini di carta che ti farà volare via

Non è solo un gioco per ammazzare il tempo: fabbricare aeroplanini di carta è un modo per sognare altri mondi. E se si è molto bravi, anche per immaginare migliorie tecniche per gli aeroplani veri

Di fronte alla monotonia del lavoro, fatta di gesti ripetuti all’infinito, la mente che si ribella comincia a volare. E per farlo in modo adeguato, ha bisogno di un apparecchio apposito: l’aeroplanino di carta.

Valvola di sfogo della noia in ufficio, gesto di desiderio e conquista, gioco imparato da piccoli che ritorna nei momenti di ozio, l’areoplanino di carta conosce una impressionante quantità di varianti.

Esiste quella basic, che sanno fare tutti, e che richiede solo cinque pieghe (ma poi vola davvero?), ma pochi sanno che ce ne sono almeno altri 39, tutti raccolti, con istruzioni e video, in questo database, chiamato Fold’N’Fly.




Chi si fosse annoiato del tipo più semplice, può cimentarsi con il Royal Wing, i cui tagli agli alettoni hanno ispirato migliorie tecniche anche per aeroplani veri.

O con un difficilissimo Star Wing, progettato per avere enormi ali e un corpo ridotto. Assicura, se fatto a regola d’arte, un volo lungo e preciso. Ma basta una imprecisione per renderlo inutilizzabile.

Chi si sente “pro” si dovrà mettere alla prova con l’Ufo, un aeroplanino che già non lo è più. Difficile ma adatto per chi si sente pronto a var volare la mente oltre i confini del cielo. Lanciandola nello spazio immenso.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta