Bruxelles boccia la manovra, gli investitori bocciano i Btp

La recente emissione di bond indicizzati all’inflazione (Btp Italia) ha ricevuto il livello di ordini più basso da quando è iniziata, nel 2012

Richard Flax, Chief Investment Officer Moneyfarm, fa il punto su quello che sta succedendo in Italia intorno alla manovra economica del governo Conte. Mentre la Commissione ha bocciato la legge di bilancio, annunciando di voler aprire una procedura di infrazione, l’ultima asta dei Btp ha ricevuto il livello di ordini più basso da quando è iniziata, nel 2012.

Cosa sta succedendo in Italia?
Il 23 ottobre la Commissione Europea ha espresso un giudizio negativo sulla Manovra italiana. Fino a oggi né il Governo né l’Europa hanno rivisto le loro posizioni e il 21 novembre la Commissione ha annunciato di voler aprire una procedura di infrazione. I nodi irrisolti – ovvero deficit strutturale in aumento, previsioni ottimiste sulla crescita economica e manovre espansive senza una copertura fiscale certa – sono quindi rimasti tali, e hanno portato alla conferma della bocciatura della Manovra italiana.

Quali saranno i prossimi passi?
Ovviamente quella della Commissione rimane una raccomandazione, che dovrà poi essere esaminata dal Consiglio della Ue, l’organo in cui siedono i rappresentanti eletti dei governi dei 28 stati membri. È comunque norma che il Consiglio segua le raccomandazionI della Commissione e a quel punto il Governo avrà dai tre ai sei mesi di tempo per correre ai ripari, pena l’imposizione di sanzioni economiche.

CONTINUA A LEGGERE SU MONEYFARM

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta