Selfie senza tempoFotografie dell’800 piene di gente che fa smorfie

Fare gli scemi davanti a un obiettivo è un’abitudine senza tempo. Lo facevano anche quando ogni scatto era definitivo e costava tantissimo

La passione delle facce buffe di fronte alla macchina fotografica è senza tempo. Perfino in epoca vittoriana, quando le restrizioni morali erano più forti e soprattutto il costo di uno scatto era molto più alto, in pochi riuscivano a resistere. La stranezza della posa, l’occasione di lasciarsi andare, la sfrontatezza del gesto ebbero la meglio in molti casi.



Certo, il concetto di “facce buffe” è più ampio rispetto a quello impiegato oggi. Visti i tempi, anche solo sorridere (o, peggio ancora, ridere) è considerato una “faccia buffa”. Di sicuro, era un comportamento inappropriato di fronte a una macchina fotografica.

Ci sono poi i casi, più eclatanti, di vere e proprie smorfie e boccacce, come quelle dello zar russo Nicola II, ai tempi in cui ancora aveva voglia di divertirsi (ignorava, il poveretto, la triste fine che avrebbe incontrato), o di simpatici signori con bastone e cilindro che alla mise elegante alternavano pose strane per prendersi un minuto di divertimento.


Erano altri tempi, la fotografia era ancora agli inizi ma tutte le manie contemporanee esistevano già. A riprova che la tecnologia migliora, ma l’essere umano no.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta