Giochi malvagiEcco Hatetris, la versione di Tetris che fa scendere solo i pezzi peggiori

Vi serve l’asta lunga? Arriverà un cubo. Serve un pezzo a forma di “S”? Eccovi l’asticella. Funziona così, nel peggiore dei modi, perché il mondo non era già terribile abbastanza

Esistono incubi peggiori? Pare di no. Questo è Hatetris, cioè un Tetris fatto solo dei pezzi più difficili da assemblare. Lo hanno inventato (qui il link) per rendere ancora meno vivibile questo mondo.

Non è della stessa qualità del vero Tetris (cioè, è di una qualità peggiore), ma soprattutto è organizzato secondo un algoritmo che fa piovere, quando serve, il pezzo meno comodo possibile. Serve l’asta lunga? Ecco il cubo. Serve il cubo? Ecco il tetramino – questo il nome ufficiale di un pezzo di Tetris – a forma di S.

Alla fine è tutta una questione di Intelligenza Artificiale: “Prova tutte le possibili localizzazioni di tutti i pezzi, individua lo scenario meno adatto e invia il pezzo corrispondente”.

A differenza del Tetris originale non c’è la gravità. Una mancanza importante per chi è affezionato al gioco originale ma, come spiegano i suoi realizzatori, “ci sono ben altri problemi a cui pensare quando si gioca a Hatetris”. Perché, è sicuro, non si riuscirà a fare più di due o tre righe prima di perdere in modo inesorabile.

Per giocare, cliccare qui

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta