Storie incredibiliIl genio incompreso di Alan Turing, colui che ideò il primo computer

La sua “macchina di Turing” oggi è universalmente riconosciuta come il primo prototipo di computer, e durante la seconda guerra mondiale contribuì decrittando i codici segreti dei tedeschi. Ma il geniale scienziato non ebbe vita facile: processato perché omosessuale, finì per togliersi la vita

Immaginate un ragazzino straordinariamente portato per le materie scientifiche. E malvisto dagli insegnanti per via dello scarso interesse per il latino e la religione. Un ragazzino piuttosto timido che vive in un paese molto attento alle differenze di classe qual era (e quale è) il Regno Unito. È l’incipit della storia meravigliosa e terribile di Alan Turing, il genio che dopo aver ottenuto a stento il diploma, viene ammesso al King’s College di Cambridge dove diventa allievo di Wittgenstein e può dedicarsi allo studio della meccanica quantistica, della logica e della teoria della probabilità senza dover subire ulteriori seccature.

Studio che lo porterà a comprendere con cinque anni di anticipo quello che Gödel formulerà nei suoi “Teoremi d’incompletezza”, un’intuizione vertiginosa che mette in crisi le tradizionali convinzioni sulla razionalità della matematica. Alla luce di questa scoperta, il compito che Turing si assume è verificare l’esistenza di un modo per determinare a priori se un teorema sia esatto o meno; da queste riflessioni nasce quella che sarà definita la “Macchina di Turing”, di fatto il prototipo del primo computer. L’idea geniale consiste nello spezzare le istruzioni in semplici sequenze da dare in pasto alla macchina costruendo algoritmi a misura di ogni problema, un approccio che avrà grande influenza sullo sviluppo dell’informatica. Per questa ragione Turing è giustamente considerato il padre dell’intelligenza artificiale; era infatti sua convinzione che si potessero costruire apparati in grado di simulare i processi del cervello umano. Un suo lavoro scientifico noto come “Test di Turing” postula un esperimento mentale; consiste nel far dialogare una persona chiusa in una stanza con un interlocutore umano e con una macchina; nel caso in cui non si riesca a distinguere l’uomo dalla macchina, secondo Turing si può legittimamente affermare di essere in presenza di una “macchina intelligente”.

Nel 1939 la Germania nazista invade la Polonia e la Gran Bretagna entra in guerra. All’età di 28 anni Turing è il capo dei ricercatori impegnati nella decrittazione dei codici tedeschi, compito particolarmente difficile poiché “Enigma” generava un codice che mutando costantemente permetteva alla marina tedesca di massimizzare l’efficacia della caccia ai convogli nell’Atlantico. Secondo gli storici, il lavoro di decrittazione di Turing fu importante al punto da accorciare la durata della guerra di un paio di anni. Questa attività rimase segreta per ordine del governo britannico, segreto che impedì a Turing di ricevere riconoscimenti ampiamente dovuti. Queste attività divennero di dominio pubblico solo nel 1974 quando Turing e molti dei suoi colleghi erano morti da tempo.

Continua a leggere su Centodieci

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Studenti 60€
Amici 120€
Sostenitori 600€
Benefattori 1200€
Maggiori Informazioni