Riscatto di laurea agevolato o fondo pensione: cosa conviene?

La riforma pensionistica ha introdotto un riscatto di laurea agevolato per gli under 45: è un buon investimento per la pensione o è meglio un fondo pensione?

Photo by Jonathan Daniels on Unsplash

Con il nuovo riscatto di laurea il costo di ciascun anno di studi universitari da riscattare non è più commisurato al proprio reddito ma ad un parametro fisso, cioè al livello minimo imponibile annuo previsto per artigiani e commercianti (15.710 euro) moltiplicato per il 33%. Ogni anno di riscatto, per un massimo di cinque, costa quindi 5.184 euro e il costo complessivo, fino ad un massimo di 25.920 euro, può essere pagato in 60 rate.

Qual è il fine principale del riscatto degli anni di laurea? Si tratta di un investimento per la pensione che consente di anticipare la data di pensionamento e aumentare l’ammontare della pensione.

Ma di quanto? Da una recente analisi di Progetica emerge che gli effetti del riscatto di laurea non sono uguali per tutti e che un fondo pensione risulta essere una scelta più conveniente.

Continuiamo a leggere su propensione.it per scoprire le differenze tra l’investimento nel riscatto degli anni di laurea o in un fondo pensione.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta