Alte noteSiete in grado di distinguere un pianoforte di qualità soltanto dal suono?

La musica è bella, ma se lo strumento utilizzato è di bassa categoria, lo è un po’ meno. Ecco come le orecchie più allenate potranno mettersi alla prova

Questione di orecchio. Ma anche di portafoglio. Ci sono pianoforti che costano poche centinaia di euro e altri che, invece, costano più di un’automobile di lusso. La differenza fondamentale sta nel suono.

Lo dimostra questo video del pianista brasiliano Fabricio Vinheteiro: con tutta la simpatia del mondo, il Barthol & Berlin con cui suona il Clair de Lune, pianoforte a muro di qualità, costa solo 600 euro. E nessuno si stupisce: le note sono metalliche, il rimbombo diventa un boato, il timbro è alterato.

Quando passa al Blüthner, strumento da 6.400 euro, ce ne si accorge subito. Il suono è più ricco, rotondo, intenso. Restituisce una gamma di sfumature che nel pianoforte precedente spariscono. Il pianoforte restaurato da 15mila euro, opera del più antico fabbricatore del mondo, Pleyel (ormai chiuso), aggiunge più grazia e sonorità. Era la marca preferita di Chopin e, per questo motivo, Vinheteiro lo omaggia suonando la Polonaise.

Ma la qualità aumenta ancora accompagnando la qualità del suono: prima uno Yamaha C7X da 45mila euro e poi uno da 363mila, con cui conclude il suo test. Avete colto tutte le differenze? Di sicuro la profondità del suono, la fluidità dell’arpeggiato emergono con vigore. Insomma, il suono migliora. Ma la domanda rimane: è proporzionato al prezzo?

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta