Prendi i soldi e scappaIl colpo grosso della Corea del Nord: furto da 500 milioni in criptovalute

A riportarlo è il consiglio di sicurezza dell’Onu. Tramite l’azione di hacker specializzati, l’esercito nordcoreano avrebbe derubato le piattaforme di trading online per centinaia di milioni di dollari tra il 2017 e il 2018, servendosi della blockchain per nascondere le proprie malefatte

YE AUNG THU / AFP

Fra il 2017 e il 2018, la Corea del Nord avrebbe sottratto alle piattaforme di trading online oltre mezzo miliardo di dollari in criptovalute, sfruttando la tecnologia blockchain per coprire le proprie tracce. È quanto ha riportato un panel di esperti al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. I furti rientrerebbero in una campagna più estesa di attacchi informatici alle istituzioni finanziarie di paesi stranieri.

Continua a leggere su Mit Technology Review

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta