Abitudini errateScale mobili, le abbiamo sempre usate nel modo sbagliato: bisogna stare fermi nel mezzo

L’etichetta del corretto utilizzo (chi sta fermo tiene la destra, chi sale cammina sul lato sinistro) è sbagliata e provoca danni alla struttura. Lo dice la Scienza

È sempre così: non siamo ancora riusciti a insegnare ai maleducati che su una scala mobile si sta fermi sulla destra (o sulla sinistra se in Inghilterra) che arrivano gli scienziati a dire che no, in realtà non è un metodo efficiente. La regola è semplice: chi vuole stare fermo sta a destra, chi vuole salire cammina sulla sinistra.

Il problema però, fanno notare, è che in questo modo la distribuzione del peso non è uniforme. Anzi, è del tutto sbilanciata a destra (o a sinistra, sempre se si è in Inghilterra o in Australia). Questo, nel medio periodo, provoca usura, problemi e danni alla scala stessa. In più è in inefficace nel momento in cui si scende. Del resto, aggiungono, le scale mobili non sono nemmeno fatte per essere salite: avevate mai notato che i gradini sono sempre più alti e stretti rispetto a quelli normali?

La soluzione proposta, anche se può sembrare assurda, è di rimanere fermi al centro. Proprio così: le città che hanno provato a imporre il metodo “no escalator walking” hanno riscontrato meno danni e una affluenza più veloce.

Certo, è una piccola rivoluzione, soprattutto per chi si vedeva costretto a spostarsi per fare spazio ai fanatici delle salite. Stavolta ha la scienza dalla sua parte. E chi vuole andare più veloce, può sempre usare le antiche, immobili, classiche scale.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta