Nuove difeseVuole ucciderlo tirandogli una freccia, ma lo smartphone gli salva la vita

Succede in Australia. Durante un litigio, un uomo estrae un arco e una freccia (sì, avete letto bene) e la scocca contro l’avversario. Ma il telefonino ammorbidisce l’impatto

Una volta lo facevano le Bibbie. O, nelle versioni già secolarizzate, le medaglie d’amore. Perfino i soldi. Adesso, a salvare la vita delle persone colpite da un tiro di freccia, sono gli smartphone.

Succede a Nimbin, a 180 km a sud di Brisbane, in Australia, dove – secondo quanto riporta la polizia locale – un uomo (43 anni) è stato preso come bersaglio da un arciere (39 anni): avevano cominciato a litigare e, per avere prova dello scontro, ha tirato fuori lo smartphone. L’arciere non ha gradito e, in un attimo, ha subito estratto una freccia e l’ha scoccata contro di lui.

Risultato? Lo smartphone ha parato la freccia, impedendo che ferisse il malcapitato. Qualche semplice escoriazione, una botta e un telefono ormai da buttare. Ma la sua ultima azione, non c’è da discutere, è stata eroica.

Per il resto, la polizia australiana è stata laconica. È emerso solo che i due si conoscevano, ma ancora resta da chiarire perché uno andasse in giro con arco e freccia (uno sportivo?) e per quale ragione avesse deciso di colpire il suo conoscente, che se non avesse avuto un cellulare in mano, non sarebbe più qui a raccontarlo.

Ma ci sarà modo di scoprirlo: il 39enne, indagato per aggressione e danni alla proprietà altrui, sarà sentito dai giudici tra un mese.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Maggiori Informazioni