Vie della setaVolete capire la Cina? Questo esercizio di gruppo visto dal satellite spiega tutto

Disciplina, ordine, potenza e precisione. I giovani cinesi crescono così. La loro impressionante performance è visibile fin dallo spazio

da Youtube

Centinaia di studenti di kung-fu, radunati in uno stadio che, all’unisono, si muovono e formano gruppi visibili dai satelliti. È la realtà ripresa da questo video di Bbc Earth, che mostra il mondo visto dallo spazio e le sue manifestazioni più incredibili.

Questa, soprattutto, colpisce per la sua dimostrazione di ordine e di potenza. È una sorta di saggio di fine anno di un paesino cinese (non meglio specificato). Qui i ragazzi organizzano uno spettacolo colossale, che è insieme dimostrazione di agilità individuale e di coordinamento di gruppo. Di fatto, è l’emblema della Cina di oggi, che “ha così tante persone a disposizione che le può usare come pixel”, dicono nei commenti al video. E la meraviglia di tanti occidentali, insieme stupiti e preoccupati, si risolve in battute di basso ordine (“nella mia classe eravamo 15 e non riuscivamo a saltare all’unisono”).

Le immagini, come si spiega qui, sono una combinazione tra riprese fatte sul campo (i primi piani, le immagini degli studenti appena prima della performance), una immagine satellitare (che serve a fare entrare il filmato nella serie Bbc dedicata appunto alle riprese satellitari) e diversi scatti fatti con il drone. La disciplina prevale, il gruppo domina, la tecnica individuale sfuma. Ma il risultato finale si vede, appunto, fin dallo spazio.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta