La bibliotecaNon puoi dire di aver capito l’Iran se non hai visto questa collezione di manoscritti

La Biblioteca del Congresso ha digitalizzato, per il bene di tutti, la sua collezione di 150 opere e manoscritti persiani. Di varia natura, argomento, epoca e tradizione, illustrano i mille strati di un mondo complesso e affascinante

Dettaglio di un manoscritto della Libreria del Congresso

Nessuno può pensare di essere acculturato se non ha dato almeno uno sguardo a questa splendida raccolta di testi e manoscritti persiani messi in rete dalla Biblioteca del Congresso americano. Una collezione di 150 opere (tra manoscritti, manoscritti miniati, litografie e libri) delle quali possono risalire fino al 13esimo secoacquisita dall’istituto americano durante gli anni ’30 a opera del mercante d’arte Kirkor Minassian, esperto di antichità islamiche e mediorientali.

L’iniziativa, che ha il pregio di mostrare un mondo, una cultura e una civiltà che spesso (soprattutto negli Usa) viene spesso ridotta ai peggiori stereotipi sulla nazione attuale iraniana, è nata nel 2014, in seguito alla mostra di 40 esemplari della collezione. I più interessanti, certo, ma anche quelli meno fragili: alcune delle opere erano troppo delicate per essere esposte al pubblico. La digitalizzazione, invece, permette di superare anche questo problema.

Si potrà, tra le altre cose, ammirare lo Shah Nameh, epica nazionale persiana scritta dal poeta Firdusi intorno all’XI secolo, racconto che va dalla creazione del mondo (opera dalla vasta portata, si nota), fino alla conquista islamica del Paese avvenuta nel VII secolo. Oppure la Shah Jahan, di trecento anni dopo, scritta sotto il dominio di un imperatore della dinastia Moghul. Si tratta, in ogni caso, di opere varie, in un insieme eterogeneo e complesso, ricco di tradizioni e contributi. Il trait d’union è la lingua persiana, ma gli autori possono essere indiani, turchici, provenienti dall’Asia centrale.

Un solo sguardo, appunto, basta per comprendere la ricchezza di un mondo e di una cultura, al centro di un continente e in mezzo a vie di scambio e di comunicazione. Da cui, forse, ancora molto c’è da imparare.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta