ScoperteEssere ricchi? È sopravvalutato. Per la felicità basta fare un po’ di sport

Secondo uno studio che ha raccolto le migliori menti di Oxford e Yale, la gioia di vivere non si trova nello stipendio alto ma nell’attività sportiva regolare. Gli avidi, allora, diventino sportivi

da Pixabay

Il denaro non fa la felicità, lo sport sì. Lo sostiene una nuova ricerca, stavolta partorita dalle ingegnose menti di Yale e Oxford e pubblicata sulla prestigiosa rivista The Lancet. Secondo lo studio, di portata enorme, sarebbe proprio l’esercizio fisico a regalare felicità e soddisfazione alle persone e non, come sospettano invece le persone più grette e avide, i soldi.

Ai partecipanti, circa 1,2 milioni di americani, gli scienziati hanno fatto tre domande: “Quali attività fisiche svolgi?” – il candidato poteva scegliere 75 proposte, dalla bicicletta alla corsa, compreso il sollevamento pesi, i lavori di casa e la cura dei bambini. La seconda era: “Quante volte ti sei sentito poco bene a livello mentale negli ultimi 30 giorni, a causa dello stress, della depressione o di problemi emotivi?” E infine si chiedeva di dare alcune indicazioni, più o meno riservate, su quanto guadagnassero al mese.

Risultato? Chi si esercita di più – ma non è una novità – sta meglio di tutti. “Soffre” solo 35 giorni all’anno. I parecipanti meno attivi, invece, stanno male in media 53 giorni. Più o meno due mesi di tristezza e dolore.

Ma la ricerca permette di fare un confronto fino a questo momento rimasto intentato: quello tra ricchezza e attività. E si scopre che chi fa sport in modo regolare (senza per forza essere un campione) è felice come chi guadagna, ogni anno, almeno 25mila dollari (netti, si intende). Ognuno si faccia i conti in tasca e veda cosa fare.

Il problema, però, è che le due cose non sono davvero collegate. Gli scienziati si premurano di sottolineare che all’aumentare dello sport, però, non diminuiscono i giorni di tristezza. Anzi: se l’attività sportiva diventa eccessiva, la salute mentale ne può risentire. Secondo la ricerca, la formula ideale ricade in una media che va da tre a cinque sessioni di esercizio comprese tra mezz’ora e un’ora alla settimana. Di più, se non lo si fa per particolari motivi, è dannoso.

Non solo: gli sport non sono tutti uguali. Quelli di squadra hanno gli effetti migliori, e nessuno rimane sorpreso: stare insieme ad altre persone e fare le stesse cose è, del resto, parte fondamentale della natura umana.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta