La mangrovia protegge gli animali: e noi li piantiamo in Kenya (grazie a Treedom)

Gli alberi di questa settimana sosterranno una comunità femminile in Kenya. È lì che Treedom pianterà gli alberi per chi sosterrà l’iniziativa de Linkiesta

Gli alberi di questa settimana saranno delle Mangrovie, che saranno piantate nell’ambito del progetto a cui stiamo dando vita nella Contea di Kilifi, in Kenya. Siamo sulla costa meridionale del paese, non lontano dal confine con la Tanzania. Il progetto è portato avanti da una comunità di donne e mira proprio a rafforzare il loro ruolo all’interno della comunità.
Le Mangrovie sono alberi particolarmente importanti in questa zona, con le loro radici, infatti, creano un intricato sistema di filtraggio dell’acqua e contenimento del terreno; una vera e propria diga naturale, in grado di offrire protezione da eventi potenzialmente distruttivi come maremoti e cicloni tropicali. Le Mangrovie proteggono inoltre, con le proprie radici numerose specie: rettili, anfibi, insetti, crostacei e pesci. I pesci vanno a deporre le uova proprio sotto le radici intrecciate e reticolate delle Mangrovie, che abbracciano le acque salmastre e fungono da nursery. Una volta schiuse le uova, i piccoli avannotti riescono a trovare cibo e crescere lontano dai predatori e dalle correnti più forti.

Clicca qui per sostenere la nostra iniziativa

Gli alberi di questa settimana saranno delle Mangrovie, che saranno piantate nell’ambito del progetto a cui stiamo dando vita nella Contea di Kilifi, in Kenya

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta