Ecco chi vincerà la sfida tra “value” e “growth” nei mercati azionari

Dalla Seconda Guerra mondiale, ci sono stati sei periodi in cui la strategia growth ha sovraperformato quella value. Quello che stiamo vivendo oggi è il periodo più lungo di sovraperformance dell’approccio growth rispetto al value nell’ultimo secolo, ma non sarà sempre così

William Iven

Ci sono due approcci che seguono i gestori di portafogli di investimenti: value e growth. L’approccio “value” si basa sulla ricerca di titoli che appaiono sottovalutati rispetto al loro valore intrinseco, mentre il “grotwh” si concentra su quei titoli che hanno espresso una crescita elevata nell’ultimo periodo. Dalla Seconda Guerra mondiale, ci sono stati sei periodi in cui la strategia growth ha sovraperformato quella value. Quello che stiamo vivendo oggi è il periodo più lungo di sovraperformance dell’approccio growth rispetto al value nell’ultimo secolo.

Ma quale dei due approcci vincerà in futuro?

Scoprilo su Risparmiamocelo.it

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta