TecnologieTremate, i Google Glass sono tornati. E adesso li usano nelle fabbriche

Di fronte al flop non si sono arresi: hanno ripensato la fascia di mercato e il pubblico e alla fine hanno inventato una nuova versione per aiutare gli operai. Lato positivo: funzionano. Lato negativo: il datore di lavoro sa tutto

da Flickr

La prima volta non ha funzionato. I Google Glass, nonostante il grande battage pubblicitario con cui furono lanciati nel 2012, si rivelarono un flop. Inutili, pretenziosi, goffi, inefficaci. Le vendite crollano e il prodotto viene ritirato dal mercato. Però la sperimentazione, dietro le quinte, continua. E così nel 2017, due anni dopo, Google ci riprova Con un posizionamento più studiato, ambizioni più modeste ma – forse per questo – anche più efficaci: le fabbriche.

Si chiama edizione “Enterprise” che aiuta i lavoratori, addetti alle macchine, a ridurre gli errori migliorandone le prestazioni. È un cambiamento che toglie tutto il sex appeal originario del device, ma che almeno garantisce un mercato. Non solo: al modello base è possibile aggiungere delle modifiche, che li adattano alle diverse tipologie di catene produttive. La realtà aumentata non è più un gioco, ma uno strumento per lavorare. L’inserimento di nuovi software permette di attivare comandi che rispondono alle domande tecniche dell’operaio, sia con messaggi vocali che con indicazioni che appaiono sullo schermo.

Sembra bello, ma non esageriamo: i Google Glass restano sempre una cosa losca. Quando giravano per le strade, i passanti avevano sempre l’impressione di essere fotogratati, registrati, cercati sui social. Nelle fabbriche, invece, permettono al datore di lavoro di sapere e controllare tutto quello che fa il dipendente che li indossa. Cosa che non mette a suo agio l’operatore.

Restano, insomma, un’invenzione con tante potenzialità, ma anche tanti lati oscuri. Qualcuno potrebbe trarne insegnamenti filosofici, legati alla natura stessa del capitalismo, del rapporto di lavoro subordinato, della pervasività della tecnologia. LinkPop, invece, si limita a segnalare.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta