CinemaCensure di una volta: guarda la scena tagliata di King Kong che spoglia Ann

Lo scimmione gigante nutriva una passione sentimentale (ma non solo) per la donna, ma più forte della sua prestanza fisica fu la censura dell’epoca, che decise di togliere tutte le scene considerate troppo osé o violente (o entrambe)

Censurato per eccessiva violenza. Ma anche, a quanto si scopre, per alcune scene considerate scabrose. Il film di King Kong del 1933, in occasione della sua seconda release del 1938 aveva conosciuto alcuni cambiamenti importanti. Uno di questi, passato sottotraccia, è la sparizione di una scena sensuale in cui la scimmia, dopo aver rapito Ann, la spoglia dei vestiti come se fossero la buccia di un frutto.

Un atto considerato troppo spinto per i canoni dell’epoca e su cui, a stretto giro, è intervenuta la censura. Nemmeno un barbaro scimmione (che però risulta innamorato) può permettersi, in quegli anni, atti del genere.

Questo video restituisce dignità a quelle scene, mostrano dove sono intervenuti i tagli e come sarebbe stata la visione del film nella sua originalità.

Uno sguardo veloce consente anche di farsi un’idea degli effetti speciali utilizzati all’epoca, senza dubbio risibili se considerati con i canoni attuali, ma comunque notevoli viste le disponibilità, sia tecnologiche che sceniche, dell’epoca.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta