Ecco dove si pagano di meno le tasse sulle plusvalenze finanziarie

Una ricerca condotta dalla Banca d’Italia fornisce un’interessante panoramica sulla tassazione delle plusvalenze finanziarie nei vari paesi europei. Addirittura sei paesi Ue prevedono l’esenzione totale sulle plusvalenze ottenute dall’investimento in titoli governativi

VINCENZO PINTO / AFP

E se si azzerasse l’aliquota di imposta sulle plusvalenze ottenute dagli investimenti in titoli di stato italiani? Da mesi si parla sempre più spesso di questa ipotesi. La legge italiana sulla tassazione dei guadagni da investimenti finanziari prevede un’aliquota del 12,5% per i nostri titoli di stato (Bot, BTp, CCT, Ctz) e del 26% per gli altri strumenti finanziari (azioni, fondi comuni, valute e obbligazioni societarie). Un’aliquota alta o bassa? Per capirlo basta guardare i dati della ricerca condotta dalla Banca d’Italia che fornisce un’interessante panoramica sulla tassazione delle plusvalenze finanziarie nei vari paesi europei.

Scoprilo su Risparmiamocelo.it

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta