La plataArgentina, nel mezzo del black-out qualcuno trova la soluzione: rivolgersi a Batman

Il supereroe solitario altro non sarebbe che un personaggio misterioso che da sei anni, ogni venerdì, va a trovare i bambini di un ospedale pediatrico della città per farli divertire. Il comune ha deciso di insignirlo, ma la popolazione protesta

da Twitter

Cosa si fa quando si rimane senza elettricità? Semplice: si chiama Batman. È più o meno quello che ha fatto, tra le polemiche, il Consiglio Deliberante di La Plata, in Argentina. Nonostante le difficoltà dell’apagón, cioè il più grande black out che abbia colpito finora il Sudamerica, i consiglieri si sono riuniti per conferire il titolo di Ciudadano Illustre al Batman Solidario, un personaggio bizzarro che, dal 2013, anno in cui La Plata fu travolta da un’inondazione che provocò 89 morti si traveste da Batman e va all’Hospital de Niños Sor María Ludovica, un ospedale per bambini, per portare loro un poco di allegria e divertimento.

Come il vero Batman, anche il suo omologo argentino, preferisce non rivelare la vera identità. Nell’accettare il conferimento ha dedicato anche un pensiero “a tutti i miei Robin, undici persone che lavorano senza posa”. Assicura che nessuno dei suoi collaboratori “proviene da ambienti estremisti, come potrebbero essere il calcio, la politica e la religione”. Quello che lui (e loro) fanno è solo una missione: ogni venerdì, alle 17, Batman lascia il lavoro, indossa il suo travestimento e, con la sua Batmobile va all’ospedale. “Fa un lavoro importante”, spiega il consigliere Guillermo Ronga. “Organizza anche eventi in cui raccoglie fondi per l’ospedale, i Bat-incontri. È qui che i suoi Robin lo aiutano”.

Un riconoscimento importante, certo. Ma l’iniziativa ha fatto infuriare tanti cittadini, soprattuto perché sono almeno 90 le ore in cui la città è senza luce, un fenomeno che ha colpito 15mila famiglie con una perdita, secondo le stime, che tocca il miliardo di pesos. Anziché insignire supereroi di menzioni cittadine, dice chi protesta, i politici dovrebbero pensare a risolvere i problemi più urgenti. Quello dell’apagón, ad esempio, è tra i più gravi.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta