L’appelloL’ultimatum di Conte: “Lega e M5S tornino a collaborare”. Altrimenti saranno dimissioni

La dichiarazione del Presidente del Consiglio: “Se vogliamo andare avanti ci vuole leale collaborazione. Chiedo ai due leader della maggioranza una risposta chiara e rapida”

«Ci dicano se intendono proseguire ovvero se preferiscono riconsiderare la propria posizione». È qui il fulcro del passaggio del discorso del presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Un ultimatum, insomma, e una richiesta di chiarimento destinata ai due leader delle forze dell’alleanza gialloverde, perché rendano chiare le proprie intenzioni. Se vorranno proseguire con quella che lui definisce “Fase 2” del governo, che sarà determinata da riforma della giustizia e sbloccacantieri, il problema rientrerà. In caso contrario, ha aggiunto, è pronto a dare le dimissioni dal suo incarico.

Senza coesione, ha aggiunto, «risulta più difficile affrontare l’Europa».

Le numerose tornate elettorali hanno minato la tenuta della coalizione, «un cosa che, onestamente, non credevo».

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta