Dovere e piacereCome impiegano il proprio tempo gli italiani?

Per stare bene, cosa c’è di più prezioso del tempo per noi stessi? L’Istat ha svelato come viene impiegato dagli italiani

Photo by Simon Migaj on Unsplash

Superata l’impostazione tradizionale che vedeva il Pil come l’unico indicatore della qualità della vita di un Paese, l’Istat ha iniziato ad elaborare da diversi anni un’apposita indagine che pone al centro il tempo e il suo utilizzo quale dimensione per analizzare il grado di benessere degli italiani. Avere tempo libero a disposizione per fare ciò che ci piace di più incide inevitabilmente sul nostro stare bene. Ma non basta. Il tempo libero deve essere anche di qualità e conta il tipo di attività che possono essere svolte nelle ore che si hanno a disposizione per se stessi.

Quanto tempo hanno gli italiani e come lo sfruttano? Dall’indagine Istat alcuni dati non stupiranno, altri invece portano a delle importanti riflessioni. Tra questi, ad esempio, è emerso che nell’arco della giornata infrasettimanale a vivere più momenti spiacevoli sono i giovani tra i 15 e i 24 anni, mentre al contrario, a godere di più tempo di qualità sono le persone over 65 e in pensione.

Continuiamo a leggere su propensione.it per vedere come gli italiani sfruttano il tempo e chi ne ricava più benessere.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020