Dietro le quinteGuida ai trucchi usati dalle pubblicità per rendere gli spot sul cibo accattivanti

A differenza di quanto si può immaginare, l’utilizzo del CGI è limitato. La maggior parte delle immagini è realizzata in modo artigianale, con mezzi tecnici e tecnologici all’avanguardia e originali

È il matrimonio felice tra fotografia, cinematografia e tecnologia d’avanguardia. Si chiama visual engineering e, in poche parole, serve a fare pubblicità spettacolari. Soprattutto quelle sui cibi, che richiedono ogni volta idee più moderne per titillare le papille gustative degli spettatori, inventando combinazioni di colori e movimenti che suggeriscono sapori e fragranze.

Per esempio, le immagini di un hamburger, con gli ingredienti che cascano, uno sopra l’altro, non sono realizzate in CGI: nonostante l’avanzato livello raggiunto dalle simulazioni digitali, sarebbe ancora troppo costoso farlo, con risultati più deludenti di quanto si immagini. Molto meglio farlo davvero, cioè riprodurre nella realtà una cascata di ingredienti di un hambuger, con una telecamera che, in gran velocità, registra tutti i movimenti.

Per farlo, servono macchinari appositi, un team di persone specializzate e una grande disponibilità di tempo.

Questo video racconta il dietro le quinte di una serie di pubblicità, con trucchi meccanici nascosti che, a prima vista, sembrano sorprendenti. Abituati a pensare che, orma, “tutto è fatto al computer”, ci si stupirà di vedere l’ampio lavoro artigianale, tecnologico e ingegneristico messo in campo per pochi secondi di spot commerciali.

 https://www.youtube.com/embed/7qaJ1_ChJUM/?rel=0&enablejsapi=1&autoplay=0&hl=it-IT 

Esagerano? Forse no. Ormai lo spettatore è abituato: immagini fantasiose, complicate, sono presenti in tantissime pubblicità. La differenza è nella qualità e, soprattutto, nell’originalità dell’idea. Con l’avanzamento tecnologico al galoppo, tutto questo appare ormai necessario. Quasi, addirittura, scontato.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta