Miti americaniChaplin partecipò a una gara di imitatori di Chaplin e fu sconfitto. Ma è una storia vera?

Una storiella antica, apparsa chissà dove e mai verificata, racconta che il celebre attore si sarebbe divertito a partecipare a un contest di imitatori. Salvo uscirne umiliato e sconfitto

da Youtube "Al Circo"

Racconta la leggenda che, un giorno, il celebre attore di origini inglesi Charlie Chaplin avesse partecipato, quasi per gioco, a una gara di imitatori di Charlie Chaplin. Non andò tanto bene, visto che si classificò ventesimo.

L’aneddoto è noto, ma sulla sua veridicità ci sono molti dubbi. La sua prima attestazione scritta va cercata in un articolo apparso sul The Straits Times di Singapore, nell’agosto del 1920. Riportava una storiella “destinata ad avere successo” raccontata da “Lord Desborough, che partecipava alla cena del club Anglosassone”. A lui era stata detta dalla moglie, Lady Desborough, alla quale era stata riferita, a sua volta, dall’attrice canadese Mary Pickford, che conosceva benissimo Charlie Chaplin. Un telefono senza fili transatlantico. Secondo la versione di Lord Desborough, Chaplin avrebbe partecipato “senza il suo celebre baffo e privo dei suoi stivali”. Un errore che lo ha piazzato in fondo alla classifica.

Eppure, sempre nel 1920, sul Poverty Bay Herald, giornale neozelandese, appare la stessa storia, con una minima variazione: il posizionamento di Chaplin, che “entrò in gara con un nome finto e impersonò se stesso. Ma non vinse: arrivò 27esimo”.

Dettagli, penseranno i lettori. In un mondo così poco collegato (ma neanche scollegatissimo) come quello dell’epoca, una imprecisione del genere appare trascurabile. Eppure, chi cercasse di fare chiarezza, si scontrerebbe di fronte a un muro: il primo e unico a riferire questa storia è proprio Lord Desborough. Come ha dichiarato l’Association Chaplin, interrogati sulla questione, l’aneddoto potrebbe essere una invenzione.

Oppure, chi lo sa, essere vero.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta