Pericoli nascostiIl terribile potere distruttivo di uno tsunami alto un metro (non c’è niente da ridere)

La massa di acqua che si abbatte sulla terraferma dopo un terremoto non va mai sottovalutata, nemmeno quando sembra avere grandezze ridotte e, all’apparenza, governabili. Non lo sono

da Wikimedia

Il pericolo può assumere forme modeste. Ad esempio, quella di uno tsunami alto un metro. Chi è abituato dalle immagini viste in televisione a pensare che gli tsunami siano pericolosi solo quando raggiungono altezze notevoli (ad esempio i 16 metri del 2011) potrebbe sottovalutare il problema. E sbaglierebbe.

In Giappone lo sanno bene: dopo gli ultimi terremoti che lo hanno colpito (comprese le scosse di giugno), è comparso un avviso di allerta per le prefetture di Niigata, Yamagata e Ishikawa. Tsunami dell’altezza di un metro avrebbero potuto colpire le aree interessate. E a nessuno è venuta voglia di scherzare. Questo grafico spiega perché:

Come si vede, uno tsunami alto un metro non è un’onda alta un metro. La seconda finisce in un istante, mentre il primo avanza, come se avesse dietro di sé chilometri di oceano. Una massa di acqua immensa che travolge ciò che incontra: alberi, automobili, pietre. Nessuna persona, se si trova in mezzo a uno tsunami di un metro, può sperare di resistere lala pressione: l’onda non si arresta, anzi continua a riversarsi con la stessa intensità.

Questa simulazione, con tanto di suoni, permette di farsi un’idea più precisa della questione. Uno tsunami di un metro, si specifica, pesa una tonnellata. Uno di 50 centimetri è in grado di buttare una persona a terra. Del resto non è solo un’onda che arriva. È tutto l’oceano.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta