In scenaSpettacoli per tutti: a questo show teatrale canadese gli unici spettatori erano dei cani (ma c’è un motivo)

Si trattava di una sessione di addestramento per cani di assistenza, il cui compito futuro sarà, tra i vari, anche quello di accompagnare persone con disabilità a teatro e al cinema. Prima devono imparare come ci si comporta in questi ambienti

da Twitter

Non si può dire che non ci fosse nemmeno un cane. A questa rappresentazione del musical di Billy Elliot, al festival di Stratford in Ontario (Canada) si sono presentati degli spettatori piuttosto insoliti: dei cani da assistenza, che si sono seduti e hanno, con tutta tranquillità assistito allo spettacolo.

Non c’è da sorprendersi: si tratta di animali che amano la musica sono animali che vengono addestrati per accompagnare persone con disabilità anche a questo genere di eventi. Devono perciò imparare a comportarsi nel modo consono: cioè mantenendo la calma ed evitando di fare rumore. Soprattutto, devono dotarsi di molta pazienza.

“Serve che si abituino a rumori e luci insolite”, spiega alla Cnn una delle addestratrici che ha accompagnato gli animali allo spettacolo. “Siamo rimasti sorpresi, ma in modo positivo, che tutti i nostri animali si siano comportati benissimo. Nesuno ha abbaiato, nessuno si è scomposto”. Alcuni, addirittura, hanno anche dato un’occhiata a quello che era in scena. Si trattava, va detto, di una versione speciale (con luci soffuse e rumori ridotti) proprio per non disturbare gli spettatori più sensibili.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020