Musica enormeCercate motivi per visitare la Lettonia? Ne basta uno: c’è il pianoforte più grande del mondo

Il musicista e innovatore tedesco Klavins ha creato uno strumento immenso: lungo quasi cinque metri, è verticale e richiede che, per suonarlo, il musicista salga su una pedana a circa tre piani di altezza rispetto al pubblico

ILMARS ZNOTINS / AFP

Per fare una grande musica, serve usare un grande pianoforte. Più o meno come per il pennello Cinghiale, solo che in questo caso la cosa è letterale: il musicista e innovatore tedesco David Klavins, già noto per le sue sperimentazioni architettoniche, ha svelato la sua ultima creazione: il pianoforte più grande di sempre.

È una costruzione verticale, con corde lunghe almeno cinque metri, con la tastiera a mezz’aria, più o meno a tre piani di altezza rispetto agli ascoltatori. Si trova nella sala concerto di Ventspils, una cittadina portuale della Lettonia.

Il suo nome tecnico è M470i, che indica la sua lunghezza (4 metri e 70). Non ha coperture in legno, per cui chi ascolta può anche vedere le vibrazioni delle lunghissime corte che vengono colpite dai martelletti.

“La musica migliore per questo strumento deve essere espressiva”, spiega il suo creatore. “Per esempio, Rachmaninov va benissimo, ma anche Scriabin. E prché no? Le Sonate di Beethoven suonerebbero del tutto diverse su questo pianoforte”, spiega.

Il Guiness non è ancora arrivato a stabilire primati specifici, ma in compenso sono già pronti i musicisti che desiderano esibirsi con questo strumento. Uno è Lubomyr Melnyk, dal Canada. E il Comune della città è solo contento. Spera di tramutare questo nuova opera d’arte (non la prima: Klavins ne aveva realizzata una già nel 1987) in una attrazione turistica. E forse ci riuscirà.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta