Il suon dell’avvenireUn po’ nostalgico, un po’ sinistro: ecco il tour mondiale dell’ologramma di Whitney Houston

L’iniziativa vuole promuovere la memoria della cantante e restituire un pizzico delle emozioni che provavano i suoi fan ai concerti. Il rischio è che diventi qualcosa di mostruoso

JON LEVY / AFP

Altro che Black Mirror: il tour con l’ologramma della cantante americana Whitney Houston, morta nel 2012, è pronto a partire. Comincia dal Messico (quale luogo migliore per far ballare i morti?) e finirà, nella primavera del 2020, in Bielorussia. In mezzo ci sarà Regno Unito, Olanda, Svizzera, Germania e pure il Cremlino.

Le polemiche ci sono già state, le discussioni anche – e non hanno cambiato niente: lo spettacolo si fa. Intitolato “An Evening With Whitney: The Whitney Houston Hologram Tour”, sarà, come dice il Ceo di BASE Hologram, l’azienda che sta dietro all’iniziativa, “un nuovo tipo di esperienza di concerto teatrale”, il cui obiettivo è “catturare quella antica magia”. Quando si esibiva sul palco lei,”si sprigionava un livello di carisma e di emozione inarrivabile”. Ed è proprio quello ch gli organizzatori e si propongono di ricreare. “Per noi è un onore”.

Del resto, come ricorda la ex manager di Withney Houston, e presidente di The Estate of Withney, “lei non è più tra noi, ma la sua musica resterà per sempre”. E quella che è stata fatta è, senza esitazione, “una decisione giusta”.

Del resto sul palco non ci sarà solo l’ologramma: dietro ci sarà una live band, le coriste, e qualche coreografia. L’unica cosa registrata, si deduce, è la voce della cantante.

E allora, per tutti coloro che sono disposti a partecipare a questo evento che mescola nostalgia, cattivo gusto e buona musica, le date sono le seguenti:

23 gennaio – 9 febbraio, 2020 – Messico (dove, non si sa ancora)
27 febbraio, 2020 – M&S Bank Arena 2 Arena – Liverpool, Inghilterra,
28 febbraio, 2020 – Apollo – Manchester, Inghilterra
29 febbraio, 2020 – First Direct Arena – Leeds, Inghilterra
1 marzo, 2020 – SEC Armadillo – Glasgow, Scozia
2 marzo, 2020 – P&J Arena – Aberdeen, Scozia
3 marzo, 2020 – Bord Gais Theatre – Dublino, Irlanda
4 marzo, 2020 – Arena Birmingham – Birmingham, Inghilterra
5 marzo, 2020 – Bournemouth International Centre – Bournemouth, Inghilterra
6 marzo, 2020 – Motorpoint Arena – Cardiff, Galles
7 marzo, 2020 – Brighton Centre – Brighton, Inghilterra
9 marzo, 2020 – Royal Concert Hall – Nottingham, Inghilterra
10 marzo, 2020 – Hammersmith Apollo – Londra, Inghilterra
12 marzo, 2020 – Bozar – Bruxelles, Belgio
13 marzo, 2020 – AFAS Live- Amsterdam, Olanda
14 marzo, 2020 – Capitole – Ghent, Belgio
19 marzo, 2020 – Samsung Hall – Zurigo, Svizzera
20 marzo, 2020 – Admirals Palast – Berlino, Germania
22 marzo, 2020 – Stadhalle F – Vienna, Austria
23 marzo, 2020 – Inchebo Expo Arena – Bratislava, Slovacchia
25 marzo, 2020 – Forum Black Box – Copenhagen, Danimarca
26 marzo, 2020 – Folketeatret – Oslo, Norvegia
28 marzo, 2020 – Cirkus -Stoccolma, Svezia
30 marzo, 2020 – BKZ Oktyabrisky – St Petersburg, Russia
31 marzo, 2020 – Sala Concerti del Cremlino – Mosca, Russia
2 aprile, 2020 – Palazzo Ucraina – Kiev, Ucraina
3 aprile, 2020 – Palazzo della Repubblica – Minsk, Bielorussia

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta