Basket in Kenya«Tengo i ragazzi lontani dalla droga e restituisco loro un sogno», Bruno Cerella racconta il suo progetto Slums Dunk

Sabato 19 ottobre la sua Onlus prenderà parte al seminario organizzato da AltroPallone a Milano, dedicato allo sport e ai diritti umani, di cui Nuove Radici sarà media partner

Bruno Cerella, 33 anni, argentino con cittadinanza italiana (il nonno da parte di padre era di Pescara, la nonna dell’Aquila), giocatore del Reyer Venezia ed ex della nazionale azzurra di basket, crede che lo sport non sia solo agonismo, ma un valore di educazione e promozione sociale.

Con il cestista Tommy Marino ha fondato la onlus Slums Dunk, un progetto sviluppato in Kenya e in Zambia per coinvolgere i ragazzi delle zone più disagiate in un’esperienza di promozione sociale attraverso la pallacanestro. Slums Dunk parteciperà sabato 19 ottobre, dalle ore 14.00 alle 18.30, alla Fabbrica del Vapore di Milano al seminario su sport e diritti umani “Lo Sport in Rete” organizzato dall’associazione AltroPallone, con la media partnership di NRW.

«Cerchiamo di essere ovunque per sensibilizzare i giovani e le famiglie al valore sociale che ha lo sport. Lo sport non è solo agonismo o un gioco. È uno strumento di comunicazione di sani valori, fondamentali per la vita di ognuno», spiega Bruno Cerella.

CONTINUA A LEGGERE SU NUOVERADICI.WORLD

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta